QUESTO SITO UTILIZZA ALCUNI 'COOKIE': VUOI SAPERNE DI PIU'?   

School Bonus


#SCHOOLBONUS
(fonte: www.schoolbonus.gov.it)
Oggi con lo School Bonus hai finalmente l'opportunità di ringraziare la scuola; con un'erogazione in denaro puoi concorrere a conservare, migliorare e rinnovare gli Istituti scolastici del nostro Paese e godere di importanti benefici fiscali sotto forma di credito di imposta. Anche se sei un'impresa puoi dare il tuo contributo e sostenere la nostra scuola.
Cos'è School Bonus?
La legge sulla Buona Scuola (n. 107 del 2015) prevede che i contribuenti-persone fisiche, enti non commerciali, soggetti titolari di reddito di impresa- possano effettuare un'erogazione liberale in denaro in favore delle scuole del sistema nazionale di istruzione (statali e paritarie).  
Al contribuente spetta un credito d'imposta pari al 65 % per le erogazioni effettuate nel 2016 e 2017 e del 50% per quelle disposte nel 2018. L'importo massimo ammesso all'agevolazione fiscale è pari a 100 mila euro per ciascun periodo d'imposta. Il credito d'imposta è ripartito in tre quote annuali di pari importo. I contribuenti scelgono liberamente la scuola da beneficiare e quest'ultima riceverà il 90 % dell'erogazione: poiché il restante 10 % confluirà in un fondo perequativo che sarà distribuito alle scuole che risultino destinatarie di erogazioni liberali in un ammontare inferiore alla media nazionale.
Obiettivo dello School Bonus (L. 107/2015, art. 1, comma 145) è la realizzazione di nuove scuole; la manutenzione e potenziamento di scuole esistenti, il sostegno a interventi che migliorino l'occupabilità degli studenti. Per maggiori informazioniwww.schoolbonus.gov.it
Come funziona School Bonus?
Per le Scuole paritarie la Legge di Bilancio 2017 (L.232/2016, art. 1 comma 6201) prevede l'effettuazione dell'erogazione direttamente sul conto corrente della bancario della Scuola.
Per le Scuole gestite dalla Fondazione Marri-S.Umiltà è quindi possibile sostenere la scuola mediante versamento tramite bonifico bancario o postale intestato a“FONDAZIONE MARRI-SUMILTA” VIA BONDIOLO 38 - 48018 FAENZA (RA) - CODICE FISCALE: 90021960399, utilizzando il codice IBAN
- IT 28 R 08542 23700 000000102721 (Credito Cooperativo Ravennate e Imolese - Piazza della Libertà 14 - Faenza)
oppure
- IT 45 P 05034 23702 000000003451 (Banco Popolare - Viale IV Novembre 32 - Faenza)
oppure
- IT 11 F 06270 23701 CC0310096797 (Cassa di Risparmio di Ravenna - Piazzetta della Legna 2 - Faenza)
oppure
- IT 13 Y 06120 23704 CC5040007556 (Banca di Romagna - Corso Garibaldi 1 - Faenza)
 
1Legge 11 dicembre 2016, n. 232 - Art. 1 - comma  620
All'articolo 1 della legge 13 luglio 2015, n.107, dopo il comma 148 sono inseriti i seguenti:  «148-bis. In deroga a quanto previsto dal comma 148, le  erogazioni liberali in denaro destinate agli investimenti effettuate in  favore delle scuole paritarie sono effettuate su un conto corrente bancario o postale intestato alle scuole paritarie beneficiarie stesse, con sistemi di pagamento tracciabili. In tal caso le scuole beneficiarie sono tenute a: 
a) comunicare mensilmente al Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca l'ammontare delle erogazioni liberali ricevute nel mese di riferimento, provvedendo altresì a dare pubblica comunicazione di tale ammontare, nonché ella destinazione e dell'utilizzo delle erogazioni stesse tramite il proprio sito internet istituzionale, nell'ambito di una pagina dedicata e facilmente individuabile, e sul portale telematico del Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca, nel rispetto delle disposizioni del codice in materia di protezione dei dati personali, di cui al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196;
b) versare, entro trenta giorni dal ricevimento delle erogazioni liberali di cui alla lettera a), il 10 per cento nel fondo di cui al comma 148 stesso per le finalità di cui al terzo periodo del medesimo comma.
148-ter. All'attuazione del comma 148-bis si provvede nell'ambito delle risorse umane, strumentali e finanziarie disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato».